skip to Main Content
Social Media E Elezioni: L’impatto Dei Nuovi Media Sulla Politica

Social Media e elezioni: l’impatto dei nuovi media sulla politica

I prossimi 20 e 21 settembre i cittadini italiani sono chiamati a votare per il referendum costituzionale per il taglio dei parlamentari e per alcune elezioni regionali e comunali. Sicuramente, ognuno di noi avrà visionato in queste settimane una inserzione a sfondo politico sui social network.

Indice

Oggi e ancor di più in seguito alle norme anti-assembramento, il web sta sostituendo le piazze. Una diretta Facebook, un post Instagram o un cinguettio su Twitter: la dialettica politica diventa social, virale, enfatica, sloganistica.

I social network hanno contribuito a cambiare la politica, esacerbandone i toni; o viceversa, la politica ha pilotato i social trasformandoli in una terra di scontro tutti contro tutti?

Il marketing politico online

Così come avviene per i prodotti, per i servizi e per i brand, anche la politica è diventata un’esperienza emotiva. L’utente deve dunque sentirsi coinvolto e parte integrante di un processo.

Il marketing politico ha dunque lo scopo di applicare i principi di base del marketing alle campagne politiche, cercando di anticipare le necessità e gli umori delle persone.

Tralasciando il marketing tradizionale, le potenzialità di quello online emergono nel 2008 con la vittoria di Barack Obama alle presidenziali americane. Attraverso una massiccia campagna online, in particolare incentrata sui contenuti video di YouTube, un vero e proprio outsider sbaraglia la concorrenza di Hillary Clinton alle primarie e di McCain alle presidenziali da assoluto sfavorito.

Grazie (anche) alle potenzialità della rete,
un outsider come Obama sbaragliò la concorrenza nel 2008

Le previsioni degli analisti di Princeton Election Consortium, basate su tecniche tradizionali, addirittura quotavano la vittoria di Clinton praticamente certa, al 99%. Eppure, i risvolti della rete furono incredibili…

In questo background cresce la popolarità social di Donald Trump: nel 2016 l’attuale Presidente investe gran parte del suo budget per la campagna elettorale sul web (tra poco vedremo quanto) e fa larghissimo uso dei social. In particolare, si fa conoscere per un uso diretto e personale di Twitter, che utilizza in media 15 volte al giorno. Da questa data, i nuovi media hanno sostituito i vecchi media nell’immaginario politico.

Quanto influisce il web nelle elezioni politiche

La ricerca Istat “Aspetti della Vita Quotidiana”, ci dice che il 32% degli italiani segue la politica attraverso la televisione; il 26% tramite il web, specialmente Facebook; tramite i quotidiani, solo il 15%.

Chi segue la politica solo sui social
vota per sentimenti forti, come rabbia o fiducia

Da qui, secondo la ricerca, cambia molto l’approccio al voto: chi la segue su internet stabilisce un rapporto diretto con il leader, inoltre è portato a votare per sentimenti forti, come la rabbia e la delusione, la fiducia e l’entusiasmo. Chi la segue in tv si identifica con il partito, sceglie la “fazione” per cui patteggiare ed è spinto a votare da un senso di dovere. Chi la segue sui quotidiani è più attento ai contenuti, dunque vota con più razionalità.

Leggi anche: Gli effetti della quarantena sul mondo digitale


Inoltre, hanno assunto sempre maggiore importanza le analisi del sentiment, ovvero l’approccio e le reazioni che i cittadini hanno in merito a politici, argomenti e notizie. Grazie ai social si può monitorare, comprendere e prevedere l’andamento delle intenzioni di voto in campagna. Ora è più chiaro perché su Facebook ci sono diversi tipi di reaction, che segnalano uno stato d’animo diverso a seconda dell’utilizzo?

Fake news e fact-checking in politica

Il web e i social influenzano approccio e modalità al voto e lo fanno anche attraverso «fake news», notizie false create ad arte. Bufale che rimbalzano su migliaia di account Facebook, e che vengono prese per vere da altrettanti cittadini votanti.

Le fake news influenzano il voto
e tra le più diffuse ci sono notizie false contro gli immigrati

Uno studio di Oxford Internet Institute evidenzia che le bufale che hanno più successo riguardano temi populisti come l’odio per gli immigrati e che tra i maggiori diffusori di fake news c’è “Il Primato Nazionale”, un quotidiano italiano vicino ad ambienti di estrema destra.

Da qualche mese Facebook ha iniziato ad affrontare la questione delle fake news, attivando intelligenza artificiale e un team di fact-checker, che verificano la veridicità delle notizie pubblicate sul social e, in caso di “bufala”, le eliminano segnalando l’account che l’ha pubblicata. Qui l’azienda di Zuckenberg spiega come lavora in questa ottica.

Quanto spendono i politici in marketing online

Nell’ottica della trasparenza, Facebook ha creato una policy molto stringente per le campagne pubblicitarie a tema politico e sociale. È necessario, infatti, seguire una procedura di riconoscimento per ottenere la possibilità di creare inserzioni politiche; in seguito, è obbligatorio mostrare il patrocinatore della campagna stessa: vedrete infatti le inserzioni con la dicitura “Sponsorizzato – Finanziata da Nome Politico/ Partito

inserzione facebook finanziata da partito politico

Inoltre, nella sezione «Libreria delle inserzioni» di Facebook, si possono trovare tutte le inserzioni pubblicitarie relative a contenuti di natura politica di tutti i Paesi del mondo. E, soprattutto, il dato dei budget utilizzati dai politici per le campagne sponsorizzate sul social.

In Italia, negli ultimi 5 mesi sono stati spesi circa 12 milioni di € di sponsorizzate riguardanti temi politici e sociali. Di questi, la spesa maggiore è stata della Lega di Matteo Salvini, con 280 mila euro; a seguire, Silvio Berlusconi con 90 mila euro.

La sfida presidenziale negli USA comincia da Facebook:
Trump batte Biden 59 mln – 51 mln $ di spese di advertising

Poco in confronto agli States: in vista delle elezioni di Novembre, gli sfidanti stanno utilizzando massicciamente le campagne Facebook. Secondo la Library, da inizio anno sono stati spesi quasi 2 miliardi di $ in inserzioni. E la sfida tra Donald Trump e Joe Biden, al momento, è vinta dal Presidente in carica: 59 mln di $ contro 51 mln di $ di spesa.

Numeri incredibili, che ci danno sempre più il senso di come i social e il web giochino un ruolo di assoluto protagonista nelle campagne elettorali.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top